Che cos'è la rinite allergica?

Con rinite allergica si intende un raffreddore allergico causato ad es. dall'inalazione di pollini. Una forma molto comune è il raffreddore da fieno. La rinite allergica è diffusa in tutto il mondo. Si stima che, ne soffrano oltre 500 milioni di persone. Possono soffrire di rinite allergica persone di tutte le fasce d'età. Molti soggetti allergici non si rivolgono al medico perché pensano di dovere convivere con i sintomi dell'allergia e che non esista alcun trattamento.

Alcune persone manifestano soltanto lievi sintomi allergici e riescono a conviverci. Per altri, invece, la rinite allergica è più di un "semplice" naso che cola. Il raffreddore allergico può compromettere seriamente la qualità di vita.

Quindi, cos'è esattamente la rinite allergica?

Una rinite allergica è un'infiammazione delle mucose nasali. In linea di principio i sintomi sono simili a quelli di un comunissimo raffreddore.

Che cos'è la rinite allergica?

Young man with allergic rhinitis

Che cos'è la rinite allergica?

Con rinite allergica si intende un raffreddore allergico causato ad es. dall'inalazione di pollini. Una forma molto comune è il raffreddore da fieno. La rinite allergica è diffusa in tutto il mondo. Si stima che, ne soffrano oltre 500 milioni di persone. Possono soffrire di rinite allergica persone di tutte le fasce d'età.

What is allergic rhinitis?

Young man with allergic rhinitis

Molti soggetti allergici non si rivolgono al medico perché pensano di dovere convivere con i sintomi dell'allergia e che non esista alcun trattamento.

Alcune persone manifestano soltanto lievi sintomi allergici e riescono a conviverci. Per altri, invece, la rinite allergica è più di un "semplice" naso che cola. Il raffreddore allergico può compromettere seriamente la qualità di vita.

Quindi, cos'è esattamente la rinite allergica?

Una rinite allergica è un'infiammazione delle mucose nasali. In linea di principio i sintomi sono simili a quelli di un comunissimo raffreddore. La differenza risiede nel fatto che il raffreddore allergico non è causato da un virus, ma da una reazione allergica. Il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo a una sostanza che in realtà è innocua, come i pollini. Li interpreta come "intrusi" e vuole liberarsene il più rapidamente possibile. I fattori scatenanti responsabili della reazione sono chiamati allergeni.

La differenza risiede nel fatto che il raffreddore allergico non è causato da un virus, ma da una reazione allergica. Il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo a una sostanza che in realtà è innocua, come i pollini. Li interpreta come "intrusi" e vuole liberarsene il più rapidamente possibile. I fattori scatenanti responsabili della reazione sono chiamati allergeni.

Sintomi della rinite allergica

La rinite allergica causa solitamente i seguenti sintomi:

  • Naso chiuso
  • Naso che cola
  • Naso che prude
  • Starnuti
  • Sindrome rinobronchiale (sensazione di muco che scende in gola)

Spesso compaiono anche alcuni dei seguenti sintomi concomitanti:

  • Occhi che prudono, rossi o che lacrimano
  • Tosse
  • Sensazione di oppressione toracica o fischio durante la respirazione

Infiammazione (dolorosa) dei seni paranasali

Più di un semplice starnuto

Chi soffre di allergia sa che i sintomi possono andare oltre le manifestazioni comuni, come starnuti e naso chiuso. Vivere con un'allergia può avere forti ripercussioni sul proprio benessere nella routine quotidiana.

Un'allergia può ad esempio causare problemi ad addormentarsi e durante il sonno. La rinite allergica può inoltre influire sul modo in cui ci sente durante il giorno e pregiudicare la capacità di concentrarsi al lavoro o a scuola. Stanchezza e sbalzi d'umore possono essere ulteriori conseguenze di un'allergia. In alcune persone un'allergia può persino causare depressione e disturbi legati all'ansia.

Quali sono le cause della rinite allergica?

Tra i principali allergeni responsabili della rinite allergica vi sono:

  • Pollini
  • Acari della polvere
  • Peli degli animali
  • Muffe

Rinite allergica causata dai pollini

Le piante arboree, erbacee e graminacee producono pollini che vengono poi trasportati dal vento. Questi pollini, di dimensioni microscopiche, possono causare reazioni allergiche se inalati. Le condizioni meteorologiche e la temperatura possono influire sulle concentrazioni polliniche nell'aria. Nelle giornate calde, secche e ventose, la concentrazione pollinica è generalmente maggiore. Nelle giornate fresche, umide e piovose, invece, è solitamente più bassa. I pollini cerosi dei fiori, trasportati dagli insetti durante l'impollinazione, non provocano reazioni allergiche

Non soltanto i pollini possono però causare reazioni allergiche come il raffreddore allergico. Ecco una panoramica di altre allergie:

Allergia agli acari della polvere

Gli acari della polvere sono creature minuscole, invisibili a occhio nudo. Sono presenti in ogni casa e ovunque nel mondo. Si sentono particolarmente a loro agio nelle nostre camere da letto, più esattamente sui nostri materassi, cuscini e lenzuola, dove trovano cibo in abbondanza. Gli acari della polvere si nutrono infatti di frammenti di pelle morta. Si trovano però anche in tappeti, divani, tende e animali di peluche. Non sono gli acari in sé a causare il raffreddore allergico, ma ciò che, per così dire, si lasciano dietro. Intendiamo i loro escrementi e residui della muta.

Allergia a muffe e spore fungine

Allergia agli acari della polvere

Gli acari della polvere sono creature minuscole, invisibili a occhio nudo. Sono presenti in ogni casa e ovunque nel mondo. Si sentono particolarmente a loro agio nelle nostre camere da letto, più esattamente sui nostri materassi, cuscini e lenzuola, dove trovano cibo in abbondanza. Gli acari della polvere si nutrono infatti di frammenti di pelle morta. Si trovano però anche in tappeti, divani, tende e animali di peluche. Non sono gli acari in sé a causare il raffreddore allergico, ma ciò che, per così dire, si lasciano dietro. Intendiamo i loro escrementi e residui della muta.

Allergia a muffe e spore fungine

La rinite allergica può anche essere causata da muffe e spore fungine, presenti nell'aria che respiriamo. Le spore provengono da materiale organico in decomposizione e il loro sviluppo è favorito da un ambiente caldo e umido.

Allergia ai peli degli animali

Gli animali domestici, come ad es. i cani e i gatti, producono allergeni che possono causare raffreddore allergico. La reazione allergica è scatenata dall'inalazione o ingestione di scaglie cutanee, peli, ma anche urina e saliva dell'animale, che possono rimanere attaccati ai nostri vestiti, divani e poltrone.

Predisposizione genetica alle allergie

Le allergie sono spesso presenti in famiglia; se i genitori soffrono di allergie, è estremamente probabile che anche i figli sviluppino un'allergia.

Rinite allergica stagionale o perenne - Cosa significa?

A seconda del periodo di insorgenza dei sintomi allergici, si distingue tra rinite allergica stagionale e perenne:

Rinite allergica stagionale:

I sintomi si presentano in determinati periodi dell'anno e sono causati da allergeni, quali ad es. pollini o muffe.

Rinite allergica perenne:

I sintomi si manifestano tutto l'anno e sono causati da allergeni quali ad es. acari della polvere, muffe o peli di animali.

Il raffreddore allergico può inoltre essere classificato come lieve, moderato o grave.

Test allergologici per determinare i fattori scatenanti

Se conosci i fattori scatenanti della tua rinite allergica, puoi prendere le misure necessarie per alleviare i tuoi sintomi. L'approccio migliore è fissare un appuntamento con il tuo medico, che si informerà sui tuoi sintomi e sulla tua anamnesi clinica personale. Se necessario, esiste anche la possibilità di sottoporsi a test allergologici. In base ai risultati il medico potrà poi formulare una diagnosi e definire un piano di trattamento.

La gestione della rinite allergica

Una volta individuati i fattori scatenanti dell'allergia, esistono tre possibilità per gestire il tuo raffreddore allergico. Puoi cercare di evitare il contatto con gli allergeni che causano i tuoi disturbi. Puoi assumere medicamenti che alleviano i tuoi sintomi. E infine, ma non meno importante, esistono opzioni di trattamento che non solo alleviano i sintomi, ma affrontano anche la causa della tua allergia. Questo tipo di terapia si chiama iposensibilizzazione

Evitare il contatto con gli allergeni

Un modo per alleviare i sintomi dell'allergia è evitare il contatto con l'allergene a cui sei allergico. Naturalmente, questo non è sempre facile. I pollini, in particolare, si trovano ovunque durante la stagione pollinica. Ecco alcuni suggerimenti per ridurre l'esposizione ai pollini:

Tre semplici consigli per gestire l'esposizione ai pollini

  1. Tieni porte e finestre chiuse quando le concentrazioni polliniche sono elevate. Controlla regolarmente le previsioni delle concentrazioni polliniche.
  2. Lavati i capelli prima di coricarti in modo da tenere i pollini fuori dalla camera da letto.
  3. Non fare asciugare il bucato all'aperto. Durante la stagione dei pollini è meglio stendere il bucato in casa

Tre semplici consigli per gestire l'esposizione agli acari della polvere 

  1. Lava la biancheria da letto ad almeno 60 gradi. Gli acari della polvere muoiono a queste temperature.
  2. Utilizza fodere antiacaro per cuscini e piumoni.
  3. Investi in un aspirapolvere dotato di filtro HEPA, che intrappola gli acari nel sacchetto.

Tre semplici consigli per gestire l'esposizione alle muffe

  1. Assicurati di aerare regolarmente con aria fresca. Apri le finestre e lascia circolare l'aria.
  2. Tieni perfettamente puliti la cucina, il bagno e altre aree in cui si forma umidità.
  3. Fai asciugare il bucato all'aperto o usa un'asciugatrice, in modo da mantenere bassa l'umidità interna.

Tre semplici consigli per gestire l'esposizione ai peli degli animali 

  1. Evita il contatto con gli animali che ti causano reazioni allergiche.
  2. Se ciò non è possibile, tieni almeno lontani gli animali dal tuo ambiente domestico e dalla tua camera da letto.
  3. Usa depuratori dell'aria dotati di filtri HEPA, che filtrano ed eliminano i peli degli animali presenti nell'aria.

Riduzione dei sintomi della rinite allergica

I sintomi della rinite allergica sono spesso trattati con antistaminici, cortisone, decongestionanti o una loro combinazione. Sono ad esempio disponibili in compresse, colliri o spray nasali. Alcuni possono essere più efficaci per il tuo caso rispetto ad altri. Chiedi al tuo medico o farmacista quale medicamento è più indicato per alleviare i tuoi sintomi allergici.

Opzione di trattamento causale: l'iposensibilizzazione

Se la tua allergia ti provoca gravi disturbi, il tuo medico può considerare un'immunoterapia allergene specifica. L'immunoterapia allergene specifica, o iposensibilizzazione, tratta la causa della tua allergia. L'iposensibilizzazione prevede la somministrazione di dosi fisse e ripetute di un allergene specifico. L'iposensibilizzazione mira ad abituare il tuo sistema immunitario all'esposizione ad un allergene. Ciò significa che il tuo organismo viene gradualmente allenato a sviluppare una tolleranza all'allergene. L'iposensibilizzazione può alleviare i sintomi dell'allergia e, nel migliore dei casi, i sintomi si risolvono completamente.

Grazie

Ci piacerebbe sapere se hai trovato utile questo articolo. Abbiamo dimenticato qualche importante informazione sul tema del raffreddore allergico? Siamo a tua disposizione. Visita la nostra pagina Facebook o inviaci un'e-mail e faccelo sapere.